AMPSURF ISA WORLD PARA SURFING CHAMPIONSHIP

AMPSURF ISA WORLD PARA SURFING CHAMPIONSHIP

Il 2020 AmpSurf ISA World Para Surfing Championship (WPSC) si svolgerà dall’11 al 15 marzo 2020 a La Jolla, in California. La quinta edizione dell’ISA World Para Surfing Championship dove ci sarà la nostra nazionale al completo !
L’ISA World Para Surfing Championship Ha registrato un aumento esponenziale negli ultimi anni di partecipazioni … un bellissimo movimento in crescita !

per maggiori notizie potete guardare il sito ufficiale ISA :

https://www.isasurf.org/events/isa-world-para-surfing-championship/

Condividi:

Hossegor on fire !

Hossegor on fire !

Quando Patrizio Jacobacci ti dice guarda questo video … è una certezza di emozioni !

Abbiamo visto molti video di Hossegor… ma questo è un connubio perfetto tra immagini favolose e musica meravigliosa perfetto ! Ci sono come protagonisti due fortissimi surfer come Miki Picon e Benjamin Sanchis , una vera certezza in quanto a spettacolarità … gustatevi il video e alzate il volume !!!
alla prossima 🤙🏽

Condividi:

Olimpiadi … un bene o un male per il surf ?!

Olimpiadi ... un bene o un male per il surf ?!
Matteo Nani

Matteo Nani

Un amante del mare e un rispettoso della natura

In questo ultimo periodo ho sentito molto parlare di gare ... in bene o in male ... in molti parlano di OLIMPIADI, perché come ormai tutti sapete il surf farà parte dei prossimi giochi olimpici 2020 ... allora ho pensato molto a questa cosa e mi sono fatto delle domande ... e le risposte che mi sono dato, spesso, non sono cosi belle , anzi secondo me qualche risposta che mi sono dato è proprio negativa ... ovviamente, ricordo a tutti che sono semplici riflessioni di un ragazzo cresciuto che ama il surf e il mare ... non voglio ne "offendere" e ne "urtare" l'animo di nessuno ... anche se credo che il confronto ,spesso, e la cosa più costruttiva. quindi iniziamo ...

Olimpiadi ... un bene o un male per il surf ?!

Iniziamo ricordando un pò della storia del surf …

Il surf, negli anni ’50/’60 in America prima e successivamente negli anni ’70/’80 in Italia, è nato come un movimento di contro cultura, chi non ricorda il film “Un mercoledi da leoni”, dove racconta benissimo lo spirito del surf in quell’anni in Californi, ragazzi che non si riconoscevano in quella società, in un periodo storico molto particolare, erano ragazzi che vivevano ai margini della società, persone che cercavano di non essere inglobati dagli stereotipi del momento … sempre a fare festa, sempre in cerca di divertimento, pensavano solo alle onde e vivevano di stenti sulle spiagge … vedevano la loro famiglia nel “gruppo”. Era una vera Controcultura in quel periodo storico !

Uguale, anche se in maniera molto diversa, è stato qui da noi negli anni ’80, con la nascita della cultura del surf … era un pò un diversificarsi da una società consumistica … eravamo persone che non ci riconoscevamo nei tempi e nei modi dell’epoca … pensavamo solo al mare e a gli amici ! ci si muoveva sempre in gruppo, e sinceramente, le persone ci guardavano sempre un pò di “traverso”… eravamo gli emarginati del momento, non ci interessava molto e forse ne eravamo fieri … non volevamo essere come gli altri omologati … noi avevamo una Passione smisurata per il mare !

Ed eccoci alle Olimpiadi :

Detto questo, mi viene da pensare alle Olimpiadi un pò come un controsenso, perché sono l’omologazione per eccellenza di un qualcosa nato per essere diversi ! Mi sembra che da una Passione si stia tramutando in un vero e proprio Sport , anche se guardando i vari social si nota già il mutamento, che per certi aspetti è sicuramente positivo, mi riferisco alle prestazioni in acqua raggiunte dai ragazzi, ma non vi nascondo che questo mi spaventa, neanche poco, perché si sta snaturando quello che c’era di magico nella nostra passione per le onde ! ( qui potete trovare una vecchia analisi )

Con questo non voglio dire che non ci devono essere le competizioni o altro, ci sono sempre state, perché in acqua tutti hanno sempre cercato di essere i migliori, di aver affrontato l’onda più grande o di aver fatto la manovra migliore … ma portare all’esasperazione questo con le Olimpiadi non so se sia un bene, non riesco a buttarlo giù fino in fondo !

Diciamoci la verità, in molti ho sentito dire che con le olimpiadi la nostra passione si sta trasformando in uno sport come il calcio e non come il rugby, per intendersi, ma nessuno lo vuole dire apertamente perché si sa che porteranno tanti soldoni, e al dio denaro non si dice mai di no … probabilmente è una evoluzione naturale, diciamo che a questo punto esistono due gruppi di surfers: il primo fatto di sportivi appassionati … il secondo fatto di persone che lo fanno puramente per moda, ma questi ultimi le riconosci al volo perché pubblicano ogni cosa, vivono di social e sono sempre in cerca di un “Like” !

Ovviamente, come già accennato prima, vedo anche i lati positivi … il grado di preparazione sicuramene ne gioverà, i ragazzi hanno e avranno sempre una preparazione tecnica e sportiva migliore ! avranno un supporto economico ( sponsor ) molto migliore e quindi avranno modo di allenarsi molto di più e meglio !

Come ho detto ad un amico poco tempo fà, secondo me il surf sta prendendo una direzione non calcolata … o meglio il surf è Cuore e passione, non lo si può far diventare moda e soldi ! Il surf è nato libero, come liberi erano i suoi appassionati … mentre adesso vedo gente che cerca solo notorietà … non interessa piu bere una birra al tramonto con un amico per raccontarsi la session del giorno … ora tutto deve essere pubblicato, immortalato, fotografato ! 

Le Olimpiadi mi sembra che stiano accelerando questa trasformazione … devo ribadirlo, non mi piace sotto questo aspetto ! Ma allo stesso tempo mi piace per il lato sportivo, perche veramente i giovani di oggi stanno arrivando ad un livello che fino a pochi anni fa ci si sognava !!  

Un altro lato positivo della trasformazione in sport del surf é che ha permesso che molte persone comuni si avvicinassero, questo ha reso possibile il proliferare delle scuole di surf, dando lavoro a molte persone, con un indotto enorme tra surfhouse, agenzie di viaggi specializzate,  siti specializzati e molto altro … penso a quanti dei miei amici vivono grazie a questo … 

Allo stesso tempo sono diminuiti i negozi CORE, spesso soppiantati dalla grande distribuzione, dalla vendita online e da altri tipi di negozi che si occupano di più sport … 

Il nostro è un mondo fatto di cambiamenti veloci, le stesse grandi aziende faticano a rimanere a galla, non è più di moda vestirsi da surfers, è di moda essere surfer ma vestirsi con marchi più cool per tutti ! non esiste più una vera cultura underground, sono tutti molto più omologati … 

Per tornare alle olimpiadi porteranno nuova linfa, nuovo interesse questo sarà positivo per chi vive di surf, per chi fa parte di quell’indotto, ma porterà sicuramente più persone negli spot, forse arriverà qualche grosso sponsor che si interesserà a gli atleti migliori … ma noi saremo sempre quelli li che a fine session ci troveranno sulla spiaggia a bere una birretta insieme ed a raccontarci le manovre e scherzare per un bel wipe out fatto !!

we ❤️ surf

Condividi:

5º posto di Edoardo Papa al WQS Junior

5º posto di Edoardo Papa al WQS Junior
5º posto di Edoardo Papa al WQS Junior

Semplicemente “IMMENSO” …

Questo ragazzo giovanissimo ha fatto un campionato stratosferico, aggiudicandosi così uno splendido 5º posto in classifica generale, sfiorando la qualificazione , che per noi sinceramente è come un 1º posto visto il livello raggiunto in questa competizione !

Lui ringrazia tutti così :

View this post on Instagram

Sono stati tre anni fantastici 🙌, ho avuto tantissime esperienze che mi hanno fatto crescere come persona e come atleta, ho conosciuto persone con cui ho condiviso momenti indimenticabili che porterò con me per tutta la vita . Volevo solamente ringraziare tutti coloro che mi sono stati vicino fino ad ora🙏 !! Oggi si è conclusa l’ ultima tappa del projunior e dopo un anno intenso di gare in giro per l’Europa ho ottenuto il 5^ posto nella classifica finale. Purtroppo non sono riuscito a qualificarmi per la finale mondiale ma nonostante ciò sono coscente di quale sia la mia strada e il processo attraverso il quale potrò realizzare i mie obbiettivi !! . . . Well these have been three amazing years🙌, I had so many experiences that made me grow as a person and as an athlete, I met people with whom I shared unforgettable moments that I will carry with me for a lifetime. I just wanted to thank everyone who has been close to me so far 🙏!! Today was the last day of the European projuniors. And after an intense year of competitions around Europe I got the 5th place in the final classification. Unfortunately I could not qualify for the worldjunior final… it’s a bit frustrating but I am confident with my process and the people around me !! . . @billabongeurope @oakleysurfing @dakine_surf @carverskate @futuresfins @mysurfcoach @ianfontaine @papaandreaph

A post shared by Edoardo Papa 🇮🇹 (@_edoardopapa_) on

Noi qualche tempo fa siamo riusciti ad intervistarlo, la trovate QUI

Complimenti campione !!!

Condividi:

Il nuovo gruppo Facebook di Sons Of The Ocean

Il nuovo gruppo Facebook di Sons Of The Ocean
Il nuovo gruppo Facebook di Sons Of The Ocean
Il simbolo del gruppo …

Oltre alla pagina ora c’è il gruppo …

Da ieri è stato creato il Gruppo facebook oltre alla pagina, per permettere a tutta la community di poter parlare tra loro e discutere sui vari argomenti di surf e ambiente … un modo per cercare soluzioni al problema dell’inquinamento e scambiarsi opinioni costruttive … spesso le buone idee vengono dalla gente comune, la nostra iniziativa denominata “Barattiamo ?” è proprio nata cosi ed ha avuto un bellissimo seguito, anche inaspettato per molti aspetti !

Quindi forza iscrivetevi al gruppo e tirate fuori i vostri pensieri … basta cliccare qua sotto :

L’unione fa la forza !!!!

In piu per gli iscritti al gruppo ci saranno fantastiche sorprese con i nuovi indumenti marchiati Sons Of The Ocean

Condividi:

Girls Surf Power 2019

Girls Surf Power 2019

Qua sotto potete trovare il comunicato stampa dell’evento …

Girls Surf Power 2019

La 4° edizione del‘Girls Surf Power’ è Green:  Birra Ichnusa  e l’artista Vincenzo Ganadu insieme alle ragazze del surf sostengono l’ambiente.

Waiting period 20 luglio – 30 agosto  – Baia di Porto Ferro, Sassari

Sassari, Luglio 2019 – Anche quest’anno le “ragazze del surf” si esibiranno durante la 4a Edizione del ‘Girls Surf Power’, ideato ed organizzato dal surfista Marco “Bonga” Pistidda, e dalla sua scuola la Bonga Surf School, in collaborazione con il Baretto di Porto Ferro.

Proprio a Porto Ferro, la bellissima baia sassarese farà da cornice all’ evento, il waiting period, il periodo di attesa, è fissato tra il 25 luglio e il 30 agosto. Tutte le scuole di surf italiane sono invitate a partecipare, ed anche tutte le girls in giro per la Sardegna naturalmente!

Due le categorie di partecipanti School e Young. Novità di quest’anno l’Expression Session, un’unica batteria che vedrà sfidarsi le surfiste che negli anni sono cresciute dal punto di vista atletico e tecnico. Vince chi esegue la manovra più spettacolare!

Il tema portante di quest’anno sarà il rispetto per le spiagge e l’ambiente in generale. Infatti, anche per questa edizione l’artista locale Vincenzo Ganadu– https://www.facebook.com/GanaduArt/  –  realizzerà per il Girl Surf Power i trofei che porteranno a casa le tre migliori atlete. Le opere sono il frutto di una ricerca artistica che si sviluppa analizzando un tema che coinvolge tutti, l’inquinamento degli oceani dalla plastica e microplastica, i premi hanno una duplice scopo: quello di abbellire le pareti di casa delle giovani atlete vincitrici e quello di prendere coscienza, sull’importanza di migliorare il proprio atteggiamento quotidiano, per preservare la natura fin che siamo ancora in tempo, evitando di utilizzare plastica, riciclando e facendo la giusta differenziata.

E grazie a Birra Ichnusa durante la giornata verranno distribuiti dei sacchetti per la raccolta della microplastica. #ilnostroimpegno

Sarà un piacere per l’artista poter realizzare un Live painting  in collaborazione con i presenti alla manifestazione che dovranno raccogliere dalla spiaggia elementi inquinanti come micro plastiche, che verranno utilizzate nell’opera stessa. 

Padrino d’eccezione, il surfista cagliaritano e pluricampione italiano, Alessandro Piu, recentemente protagonista del film documentario “Back to the roots”,  che premierà le vincitrici. Per loro, oltre alle opere di Ganadu, come sempre, bellissimi premi! Per la vincitrice della categoria School, una tavola 100% Made in Sardegna e green, realizzata da Alterego Surfboards con riprodotto il logo del Girl Surf Power, rifinita a mano secondo le più classiche tecniche artigianali. Per la 1a classificata categoria Young Holy Sport regala una tavola da surf offerta da CBC https://www.facebook.com/californiaboardcompany/, e per la 1a classificata categoria Expression Session un bracciale Dodo offerto dalla Boutique  Manì di Sassari https://www.facebook.com/ManiBoutiqueSassari/?fref=mentions insieme ad una ceramica di Ganadu.

Ospite di quest’anno Winki – scrittore, viaggiatore, soul surfer – ha unito alcune passioni trasformandole in un lavoro. Il suo intento è quello di condividere con la scrittura e i libri di viaggio il rispetto per Madre Natura, oltre ad alcuni strumenti per la consapevolezza e la crescita personale. Presenterà il suo nuovo libro “Garuda, lo zen e l’arte di fare surf”.

Come da tradizione alla consolle si alterneranno i migliori DJ per regalarci una colonna sonora strepitosa. E al tramonto live music e party on the beach all night long: perché “girls just wanna have fun!”.

Mentre quest’anno la locandina é stata realizzata dalla tatuatrice cagliaritana Serena Mero (Nameless tattoo shop). 

L’evento Girl surf power è supportato da: Abetone Music Bar, Alterego Surfboards, Auto A,Jeep,  Acqua San Martino, Birra Ichnusa, Il Baretto di Porto Ferro, Etik, Farmacia Masala, Ganadu surf art, Holy Sport, Manì – Watches and Jewellery, Sa Tzia, Vosma, Zavyta Estetica.

Girls Surf Power 2019

INFO

Quota d’iscrizione € 30 incluso gift pack per le partecipanti che sarà super cool!

Per informazioni e iscrizioni: Marco Pistidda_333 4785055_email: bongasurfschool@gmail.com

Follow Us – #girlsurfpower #bongasurfschool #ilsurfrendefelici

@girlsurfpower

@marcobongapistidda FB – Insta @ilbonga 

@bongasurfschool – FB & Insta

@baretto.portoferro – FB 

Condividi:

Bella o brutta … surf o non surf … sicuramente è divertente !!

Bella o brutta ... surf o non surf ... sicuramente è divertente !!

Ormai è passato qualche giorno dalla presentazione dell’onda statica ( River Surf ) a Milano e abbiamo letto e sentito molti commenti positivi e negativi … facciamo un po’ di chiarezza …

Bella o brutta ... surf o non surf ... sicuramente è divertente !!

La scorsa settimana è stata inaugurata la nuova onda statica a Milano, tra critiche negative e positive dei puristi del surf e gli innovatori … quindi cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Iniziamo subito a dire che NON È SURF, si fa con una tavola e si cavalca un onda ma non è uguale per diversi motivi, come Nicola Bresciani ( qui potete trovare la sua intervista con noi ) questa è un onda fissa come quella che si crea in diversi fiumi, non devi “remare” per prenderla ma parti già in piedi ( quindi togli già una buona parte dell’onda ), poi è l’acqua che scorre sotto di noi e non è il surfer che corre sull’onda, quindi devi imparare a gestire la velocità e l’equilibrio…

Bella o brutta ... surf o non surf ... sicuramente è divertente !!

Quindi è una buona alternativa, per allenarsi sul equilibrio, gestione della velocità e rinforzare le gambe … ma non è il surf !

Noi lo troviamo ugualmente una figata perché ci permette di “giocare” con l’acqua, quindi è positivo sicuramente …

Vi lasciamo con un bellissimo video della nostra amica Elizaveta Sytova, che ha partecipato all’inaugurazione della struttura !!

Bella o brutta ... surf o non surf ... sicuramente è divertente !!
Elizaveta Sytova

Grazie infinite a Elizaveta Sytova, sempre attenta alle novità e puntuale nel pubblicarle !!

Condividi:

La storia del surf ligure … fratelli Fracas

La storia del surf ligure ... fratelli Fracas

In molte parti d’Italia, nei primi anni ‘70 nascevano le prime forme di surf, le prime comunità di quello che poi sarebbe diventato uno stile di vita per molti. In Sardegna con Graziano Lai ( qui potete trovare la sua intervista ), Maurizio Spinas ( qui potete trovare la sua intervista ) e molti altri, in toscana con Alessandro Dini ( qui potete trovare la sua intervista ) e qualche amico, nel Lazio con molti amici e poi in Liguria con i fratelli Fracas !

Oggi vi vogliamo parlare, appunto, dei fratelli Fracas che sono stati senza ombra di dubbio tra i primissimi in Italia a cercare di cavalcare le onde in qualche maniera, si perché i primissimi avvicendamenti sono stati con dei materassini mezzi sgonfi … poi hanno iniziato a cercare di costruirsi una sorta di tavole , con i vari esperimenti prima di arrivare a fare qualcosa di simile ad una tavola da surf !!

Vi lasciamo con l’intervista ad Alberto Fracas fatta qualche tempo fa da Elizaveta Sytova, dove si racconta e ci fa emozionare:

Un grazie speciale va ad Alberto Fracas per aver creato un movimento e aver portato uno stile di vita che c’ha coinvolti e stregati noi generazioni successive …

Vogliamo ringraziare anche Elizaveta Sytova per averci dato il consenso della pubblicazione di questa fantastica intervista ad una pietra miliare della nostra passione, grazie

Condividi:

Sound of shaping

Sound of shaping
Un video di Maicol Borghetti

Avete mai visto shapare una tavola ? Avete mai sentito il suono di una lavorazione ? Beh al SSFF quest’anno avevate l’occasione di farlo ! Un suono, che per chi ama il surf, è una sinfonia spettacolare, soprattutto se ha creare questo suono è un artista come Michele Puliti. Michele, shaper di Ola Surfboards, è stato il vincitore della manifestazione … una gara di Shaper !!

Complimenti Michele Puliti !!!

Condividi: