Good – Clean – Fun

Roberto D’Amico, ancora una volta, vuole ribadire il messaggio dell’importanza del pulire le spiagge e il mare … messaggio a noi molto caro … questa volta lo fa in chiave ironica con l’aiuto di Kepa Acero !

In questo video, girato in Sardegna, vediamo Roby che “girella” per spiagge in cerca di onde con un mito italiano come la Fiat 500, ma nel mentre li capita di vedere persone che gettano immondizia e lui prontamente … dai guardate il video che è divertentissimo !!!

Condividi:

Radical Factory A.S.D.

È nata la nuova pagina Facebook ufficiale di Radical Factory, messa su dai nostri amici già conosciuti Gianluca Prosperi ( qui intervista completa ), Simone Macera ( qui intervista completa ) e molti altri !!

Una realtà nata per promuovere gli sport più radicali come il surf, lo skateboard e il bodyboard . Ma non solo , saranno organizzati eventi culturali e educazione ambientale !

Quindi mettete un bel “Mi Piace” alla pagina per rimanere sempre aggiornati !!!

https://www.facebook.com/Radical-Factory-578166145926241/
https://www.facebook.com/Radical-Factory-578166145926241/
Radical Factory
Condividi:

L’opinione di Pat 10ª

Dopo la finale persa al Quik Pro da Kolohe e la scarsa prestazione di Jadson seguiamo la loro preparazione per il Quik Pro Per Jadson che arrivava da 2 ottime prestazioni nel WQS e la qualificazione WCT 2020 praticamente già in tasca, ci aspettavamo una prima gara completamente diversa; per Kolohe perdere la tua prima vittoria nel WCT per pochi centesimi per aver lasciato in priority prendere un’onda così ad Italo e vederlo fare un 7.07 quanto aveva bisogna di 6.93 per vincere il contest deve essere estremamente frustante…ma Kolohe nell’intervista dopo la finale ha detto : (Era un’onda di mezzo metro la lascerei passare altre mille volte)…non credo, la prossima finale che farà non la lascerebbe mai prendere ad Italo quell’onda lì 

Condividi:

Combattere l’erosione delle Spiagge

Ci sono spiagge stupende che rischiano di scomparire …

Un nostro caro amico sardo, Giuseppe Piga, ci fa presente un problema che affligge molte spiagge d’Italia, in particolare alcune delle più belle spiagge in Sardegna.

Siamo stati contattati da Giuseppe perché con gli ultimi eventi naturali, una spiaggia bellissima come quella di Masua, sta scomparendo! Da avere una superficie di circa 2000 mq in condizioni perfette … oggi è di circa 2 metri di lunghezza tra il mare e la vegetazione … praticamente è scomparsa ! Con la conseguenza che non può più ospitare lo stesso numero di persone e quindi oltre al danno naturalistico c’è anche un danno economico al turismo …

Giuseppe e il gruppo di sostenitori del progetto ,che non sono persone che riescono a stare ferme a guardare, dopo un monitoraggio di anni e anni sono arrivate alla conclusione che con il cambio della direzione delle mareggiate ha portato a questo scempio … ovviamente il cambio di direzione delle swell è dovuto al cambiamento climatico che sta interessando le correnti nel mediterraneo … e come vi dicevamo , Giuseppe e il resto del gruppo, hanno certato anche delle soluzioni informandosi con altre realtà che si stanno verificando in altri posti !!!

Alla fine delle loro ricerche sono arrivati alla scoperta di alcuni Reef Artificiali Multiuso che aiuterebbero a proteggere le spiagge, in primis, aiuterebbero a creare onde per le attività come il surf e ultimo, ma non per importanza, aiuterebbero a ripopolare il mare di pesci perché ne troverebbero riparo !!!! Insomma farebbero del bene a molte cose e, ovviamente, sono ecosostenibili …

Un vero toccasana per le spiagge che verrebbero protette dalle forti mareggiate e quindi anche il turismo ne gioverebbe !

E quindi eccoci qua a presentarvi la pagina Facebook ufficiale, creata appunto per sostenere il progetto :

https://www.facebook.com/ReefArtificialeMultiusoAMasua/

Speriamo che le amministrazioni prendono seriamente questo problema perché alla lunga sarà un ennesimo disastro che potevamo evitare …

Grazie Giuseppe Piga per la segnalazione !!

Condividi:

Italian Storm

Il nuovo video documentario dei nostri mari, di Roberto D’Amico.

Trailer del video

Roby è riuscito a racchiudere in un video lo spirito che dovrebbe avere ognuno di noi che amiamo il mare … ci porta all’attenzione il male dell’era moderna “l’inquinamento “ e i cambiamenti climatici che ne conseguono … e che generano grandi onde …

Qua sotto il video completo :

Roby descrive questo nuovo video così:

“Probabilmente vedrete le migliori onde mai surfate in Italia e voglio sfruttare questa opportunità per creare consapevolezza sulla distruzione e l’inquinamento della costa italiana.
Questo video è un messaggio per tutti noi, per dare un piccolo aiuto ogni volta che è possibile.”

Siamo estremamente orgogliosi di questo video …

Siamo estremamente orgogliosi di questo video perché è “l’incarnazione” del nostro spirito dei Sons of the ocean … e vederlo impersonato da un grande come Roberto D’Amico ci riempie d’orgoglio !!!

Surfers: Roberto D’Amico con Eugenio Barcelloni 
Montaggio: Alessandro Dotti 
Drone: Giovanni Di Gennaro 
Riprese: Leonardo Paparusso 
Scritto da Giulia Ercoletti 
Altre riprese: Eugenio Barcelloni, Roberto D’Amico, Nils Astrologo 
Scelta della musica: Antea Palumbo 
Brani: 
– Saschienne – Grand Cru (Extended Version) 
– The End of the Unfinished Life “di Audiomachine

Complimenti a tutti !!!

Dei veri Sons of the ocean

Condividi:

L’opinione di Pat 9ª

Una veloce valutazione del programma in atto della federazione francese …

Fred Robin tecnico della squadra Francese per le Olimpiadi era a Snapper per l’inizio della stagione degli atleti francesi per dare loro supporto e vedere la loro condizione. Indubbiamente la Francia sta investendo molti denari e molte energie in vista delle Olimpiadi. La Federazione Francese ha un altissimo numero di tesserati ed un gran peso politico, noi per il momento zero tesserati, zero peso politico, zero soldi. Cambierà qualcosa? Io lo spero per tutti quei ragazzi e ragazze che si stanno impegnando in giro per l’Europa a loro spese per fare gare, esperienza e crescere nei seeding internazionali. Il primo punto di partenza è indubbiamente la tessera.
Io ho fatto la mia per cercare di far crescere il numero dei tesserati e di conseguenza il peso politico, chi si vuole unire questo è il link delle scuole affiliate per fare la tessera :

http://www.surfingfisw.com/associazioni/


E questo il link per affiliare la vostra scuola alla Federazione Surfing Fisw :

http://www.surfingfisw.com/wp-content/uploads/2019/01/CircolareSurfing2019.pdf

Condividi:

Ferreira indomabile, vince il Quiksilver Pro Gold Coast

Appena finito il 1º evento del WSL …

Stanotte, si è concluso il 1º evento dell’anno del WSL , il Quiksilver Pro Gold Coast in Australia. È stato un evento carico d’emozioni dove abbiamo visto qualcuno essere in splendida forma come previsto, come Florence, Smith e Andino … e poi ci sono le sorprese come appunto, il vincitore Italo Ferreira !!

Italo è sembrato il più affamato di vittoria di tutti, è partito con uno spirito e una forma spaventosa !

Qua sotto vi lasciamo con la finale tra Ferreira e Andino :

Condividi:

L’opinione di Pat 8ª

I nostri ragazzi saranno impegnatissimi questa settimana …

Settimana impegnativa la prossima in Portogallo per i nostri portacolori: Avremo Roberto D’amico al WQS 3000 al Pro Cruz e dal 10 aprile al WQS Junior Edoardo Papa, Matteo Calatri, Cordiero e la prima esperienza del nostro caro amico Francesco Lazzarini al quale inviamo un grande augurio per questo suo battesimo in terra Portoghese 😉 in attesa oggi di vedere come procedono le heat di Federico Nesti al Round 1 del Longboard Pro di Espinho e la nostra Francesca Rubegni impegnata nella heat 2 dei Quarti di Finale contro la francese Lemoigne….Good Luck everyone…vinca il migliore

Condividi:

L’opinione di Pat 6º

Cambia da quest’anno il format delle gare WSL.

Cerco di spiegarvelo un attimo, ma seguite la foto che allego…

Avremo un primo round con 12 heat da 3 atleti, il 1° e 2°classificato vanno direttamente al round 3 i terzi classificati di ogni heat vanno al round 2 che sarà composto da 4 heat a 3 atleti.

Nel round 2 da 3 atleti i primi due vanno al round 3 e l’ultimo è eliminato dal contest e prende un 33° piazzamento.

Il round 3 sarà composto da 16 heat testa a testa, il 1° classificato va al round 4 il 2° classificato esce dal contest con un 17° piazzamento.

Il round 4 sarà di 8 heat testa a testa il 1° classificato va ai quarti di finale il 2° classificato esce dal contest con un 9° piazzamento.

Quarti di finale sono 4 heat testa a testa il 1° va in semifinale il 2° prende un 5° piazzamento.

Semifinale 2 heat testa a testa il 1° finale il 2° 3° piazzamento.

Quindi molte più heat testa a testa, e che potranno svolgersi anche in contemporanea come avveniva a Pipeline.

La cosa bella seconde me è che i 4 atleti con punteggio più alto ottenuto nel 1° round vanno al round 3 ma verranno spalmati sul tabellone in modo che non si incontrino più prima delle heat della semifinale e questo certamente darà un grande impulso allo spettacolo per conto mio.

Condividi: