Nuovo video RipCurl

Made for Waves / Made for Hawaii 🌺

Il nuovo video del team

RipCurl ci presenta il suo team in allenamento alle Hawaii … un misto tra giovani promesse ed esperti campioni come Mick Fanning e Gabriel Medina !

Un misto tra Air spaziali e tubi profondissimi …

Giudicate voi …

Condividi:

Eddie Aikau

È iniziato in waiting period di una delle gare più emozionanti dell’anno … ieri l’altro c’è stata la cerimonia d’apertura con tutti gli invitati alla gara !

Fonte Wikipedia 

Ma chi era Eddie Aikau ? Perché è rimasto nella storia ? E perché lo ricordiamo con una gara “invitational” a Waimea bay ? Cerchiamo di dare qualche risposta … 

Il nome completo era Edward Ryon Makuahanai Aikau , nato a Kuhului , Maui, il 5 maggio del ‘46, era il terzo figlio Solomon e Henrietta Aikau.

Iniziò a surfare le prime onde nel porto di Kuhului  … si trasferì sull’isola di Oahu nel ‘59 , quindi a 13 anni … a 16 anni lascio la scuola per iniziare a lavorare in un conservificio di ananas, grazie al quale riuscì a guadagnare per comprarsi la sua prima tavola da surf ! 
Nel ‘68 cambio lavoro e divenne il primo bagnino di Honolulu, più precisamente della North Shore ! Durante il suo servizio nella baia di Waimea non ci fu nessun annegamento e nel ‘71 fu premiato come bagnino dell’anno

Eddie Aikau in postazione a Waimea 

Nel ‘78 un’azienda polinesiana cercava volontari per percorrere 4000 km di distanza in 30 giorni, tra le Hawaii e Tahiti, per commemorare il tragitto che affrontavano i migranti in passato … lui ne prese parte, l’imbarcazione salpo dalle Hawaii il 16 maggio del 1978, ma a largo di Molokai lo scafo affondo perché imbarcava acqua … Eddie , per cercare soccorso, si butto con la sua tavola per raggiungere isola vicina di Lanai , per pagaiare meglio si tolse Il giubboni salvagente… nel frattempo il resto del gruppo fu tratto in salvo dalla guardia costiera ma di Aikau non si ebbe più notizie.

Quest’aanno ricorre il 40º anniversario della sua scomparsa e quindi i familiari e gli amici hanno voluto festeggiarlo con una cerimonia … 

Cerimonia per i 40 anni della sua scomparsa 

La famiglia, la WSL e la Quiksilver hanno avuto la volontà di portare avanti la gara d’evento in suo onore anche quest’anno …

Il 29 novembre c’è stata la cerimonia d’apertura dell’evento, con la partecipazione di tutti i surfer invitati a gareggiare, la gara è giunta alla 31ª edizione e si svolgerà solo con onde di 20 piedi o oltre a Waimea Bay ! Sono due anni che aspettiamo questo magnifico evento … 

Fonte Quiksilver 

Questi sono gli invitati di quest’anno : 

  • Grant Baker
  • Lucas Chianca
  • Ross Clarke-Jones
  • Danilo Couto
  • Shane Dorian
  • Nathan Fletcher
  • John John Florence
  • Nathan Florence
  • Sunny Garcia
  • Aaron Gold
  • Mark Healey
  • Mason Ho
  • Bruce Irons
  • Billy Kemper
  • Keala Kennelly
  • Zeke Lau
  • Kai Lenny
  • Greg Long
  • Keali’i Mamala
  • Garrett McNamara
  • Jamie Mitchell
  • Jamie O’Brien
  • Joel Parkinson
  • Makuakai Rothman
  • Koa Rothman
  • Kelly Slater
  • Takayuki Wakita
  • Ian Walsh
  • Dave Wassel

Beh, come avrete letto, ci sono dei nomi da paura, praticamente il top del surf mondiale, questo vi dovrebbe far capire il valore di questa gara ! È una gara tutta a se … non fa parte di nessun circuito , ma ha un valore enorme, e tutti i surfer vorrebbero essere invitati. Pensate che il “King” Kelly Slater ha dovuto attendere 10 anni di professionismo prima di essere invitato !!! 

Cerimonia d’apertura dell’Eddie 2018

Questo anno c’è una novità per noi italiani che ci fa sognare … 

Per la prima volta dalla nascita dell’evento c’è un italiano, Francisco Porcella, invitato tra le 57 riserve … quindi se uno dei partecipanti si ritira ( ed è notizia di stamani, che Bruce Irons è stato arrestato per guida sotto effetto di stupefacenti) il nostro amico sardo entrerebbe a sostituirlo !!! 

Vi lasciamo con un assaggio di quello che vedremo in questa gara fantastica …

Un riassunto di quello che è successo nel 2016, ultima edizione fatta prima di oggi … 

Eddie Aikau febbraio 2016 
Condividi:

Billabong house a Pipeline

Saprete ormai tutti che i più grandi marchi di surf hanno delle case sulla North Shore di Oahu … oggi vi facciamo vedere l’interno di una di esse, nello specifico quella della Billabong… a fare gli onori di casa c’é Shane Dorian e figlio Jackson

Seguite il link del video per vincere una settimana ospiti nella casa Billabong !!! 

Condividi:

Fiaba alle Hawaii 🌺

📝scritto da Tanya Nanetti

Vi racconterò una storia che ha dell’incredibile, e forse vi sarà difficile credermi: non ho prove, né testimoni (tranne uno, ma capirete presto che, se non credete a me, non potrete credere neanche a lui…), e può sembrare poco più di una fiaba. 

Ma è successo, davvero. 

Come prima cosa, dovete sapere che lo scorso anno mi sono sposata a Honolulu. Ok, tecnicamente era solo una benedizione (perché è stata fatta in un monastero Buddista, e per i buddisti non esistono i sacramenti), e non è neanche valida da nessuna parte… ma, per noi poco importa: il mio ragazzo ed io ci siamo sposati lo scorso anno alle Hawaii, con tanto di collane di fiori al collo. 

Ed è qui che inizia la nostra storia, nell’ ultimo giorno trascorso a O’ahu. 

Il sole splende alto nel cielo e l’aria è inebriante, carica del profumo delle plumerie, e noi tra poche ore abbiamo l’aereo quindi decidiamo di farci un ultimo giro dell’isola e di guidare fino ad un piccolo promontorio che abbiamo scoperto alcuni giorni prima. 

Lasciamo l’auto, scendiamo giù per una ripida scala scavata nella roccia e poi ci avventuriamo sulle nere scogliere scivolose, fino a raggiungere il punto più sporgente. 

Qua ci prendiamo per mano e ci prepariamo ad onorare un’antica tradizione local: si racconta infatti che, se si getta la propria collana di fiori nell’oceano e quella torna a riva, significa che si è destinati a tornare alle Hawaii. 

E quindi eccoci lì a tenerci per mano, freschi di matrimonio, un ultimo bacio e poi gettiamo le nostre collane nell’oceano color del cielo. Le osserviamo per qualche secondo mentre vengono trascinate dalle piccole onde, il bianco e il rosa delle collane che sembra fondersi col blu cobalto, e poi ecco che accade: un’onda più forte travolge le collane e una si piega su sé stessa, assumendo una chiara forma a cuore. 

Immaginatevi la nostra emozione a quel punto: è un segno, anche piuttosto chiaro, che qualcuno o qualcosa di più grande sta benedicendo la nostra unione. 

Gli occhi ci si riempiono di lacrime, in quello che potrebbe essere il momento più poetico della nostra intera esistenza, e ci stringiamo forte sapendo che nulla di meglio potrebbe succederci, che questo momento non potrebbe essere più perfetto di quanto già è. 

Ma come ci sbagliamo…

Dal nulla, una tartaruga marina fa capolino, proprio in mezzo alle nostre collane: il suo dolce musino spunta tra le due collane fiorite, si volta a guardarci e se ne va. 

È solo un attimo, un piccolo momento nel lungo viaggio chiamato vita… eppure in quel minuscolo attimo di perfezione c’è racchiuso tutto quanto. 

C’è l’amore (tra di noi, per le Hawaii e per questo meraviglioso pianeta che ci accoglie), c’è l’Oceano (e tutti i suoi abitanti con lui) che ci protegge e ci dà la sua benedizione, ci sono le Hawaii con le loro tradizioni antiche e affascinanti, e c’è anche molto altro… ci sono sentimenti ed emozioni impossibili da condividere. 

E questo è tutto… una fiaba? Forse per molti lo sarà… 

Per noi, invece, è un’ennesima dimostrazione di come siamo tutti figli degli Oceani che ci danno la vita, e di quanto sia importante rispettarli ed amarli, come loro fanno con noi. 

Condividi:

Isola hawaiana cancellata dalle mappe

Con il passaggio dell’uragano Walaka è scomparsa una piccola isola East Island.

East island, Hawaii 

La scoperta, del US Fish and Wildlife Service , di poche settimane fa, ci dice che dopo il passaggio del uragano Walaka, la famosa isola per la sua immensa biodiversità. 

Il prima e il dopo … 

Chip Fletcher, climatologo dell’universitá delle Hawaii, ha dichiarato “ mi sono spaventato quando ho visto che l’isola, che risale a più di 2000 anni fá, era scomparsa. Un altro ecosistema che scompare.”

Le immagini del satellite del prima e del dopo …

È saltato subito all’occhio perché sull’isola erano in corso degli studi sulle tartarughe verdi delle Hawaii. 

Come abbiamo spesso già detto, con i cambiamenti climatici in atto, cioè con il surriscaldamento delle temperature, gli uragani aumentare sempre di più d’intensita e potenza … e alla fine queste sono le conseguenze.

Condividi:

New season in Pipeline

È iniziata la nuova stagione a Pipeline e questa è la prima mareggiata seria che si è abbattuta sulla north shore delle Hawaii … 

Condividi: