Grandissimo evento di Radical Factory con Pierre Louis Costes

Nella splendida cornice della fortezza vecchia a Livorno, giovedi 3 Ottobre, è andata in scena una bellissima manifestazione organizzata dai ragazzi di Radical Factory … tanta energia positiva, tanti ragazzi uniti da un unica passione “il mare“e soprattutto tanta voglia di sognare grazie alle evoluzioni sulle onde del film documentario TENDER di Pierre Louis Costes … prima della proiezione del film c’è stata una breve intervista a Pierre ( o Piero come si è fatto chiamare lui ) di Micol Lovisolo … alla fine della serata c’è stata anche un’estrazione con 1° premio il bodyboard ProModel di Pierre autografato. Altro bellissimo e commuovente momento è stato durante il discorso di Simone Macera, quando ha ricordato l’amico scomparso un anno fa esatto Oduware Imafidon !!!

una parte della platea dei ragazzi …

Qua sotto l’intervista a Pierre Louis Costes

D.F.: “Presentati per quei pochi che non ti conoscono …”

P.L.C. :“Sono nato a Vichy, nel centro della Francia, lontano dall’oceano, ma ho scoperto il mare qui nel Mediterraneo non molto lontano da qui, a Nizza, esattamente dove ho imparato a nuotare. Successivamente ho scoperto l’oceano in Marocco, quando avevo 9 anni.”

R.F.:“Perchè hai scelto il bodyboard e non il surf ?”

P.L.C.:“Bene, quando andavo in spiaggia in Marocco, c’erano solo bodyboarder, così tanti! Sembrava la cosa più divertente del mondo e volevo solo fare come loro. Ho ricevuto una bodyboard per Natale e ogni volta che andavo in mare, passavo ore in acqua. In realtà mi sono alzato per primo su una bodyboard perché pensavo fosse più facile che stendermi ahah, oggi surfo quando posso, adoro surfare diversi tipi di tavole, è così divertente!”

R.D.:A volte bodyboarder e surfer non vanno molto d’accordo …”

P.L.C.:“Bene, la mia opinione è che c’era quella generazione di surfisti più anziani molto conservatori e quasi anti bodyboard, si potrebbe dire, quella generazione sta scomparendo, il che è fantastico perché erano quelli che cercavano di ridimenzionare il nostro sport. Oggi, la cosa migliore del surf è che non importa cosa cavalchi, le persone sono di mentalità aperta … io ho così tanti amici surfisti, bodyboarder, longboarder … Il surf dovrebbe riunire le persone, non il contrario … “

R.F.:“Il surf ti ispira in qualche modo ?”

P.L.C.:“Certo, adoro il surf e mi ispira molto guardarli, quanto vanno veloci e quanti air fanno nelle sezioni medie … so che anche i surfisti si ispirano da noi, Kelly Slater ha persino ammesso di aver chiesto a Eppo alcuni consigli su come fare un AIR prima di tentarne uno (rodeo).
Ciò che ci separa nel modo giusto sono le onde pesanti che siamo in grado di cavalcare, il surf è in qualche modo limitato ed è per questo che il bodyboard è il modo più funzionale di cavalcare le onde in qualsiasi condizione.”

R.F.:“Si è parlato molto del fallimento della IBA …”

P.L.C.:“Il crollo dell’IBA è stato sicuramente un colpo, le persone dietro l’IBA hanno investito molti soldi per mostrare al mondo cosa potremmo fare se avessimo un budget ed è stato grandioso. Il nostro sport è incredibile e gli atleti lo stanno ancora spingendo, i media hanno prodotto quegli anni IBA è stato incredibile e penso davvero che abbia creato molta enfasi.
Dopo il crollo dell’IBA, alcuni grandi nomi hanno preso altre strade… la famiglia, il lavoro, altre priorità hanno iniziato ad apparire, ma in qualche modo è nata una nuova generazione e lo sport è ancora in crescita e il livello ancora in aumento, le persone surfano meglio ora che durante gli anni IBA, le persone devono capire che stanno arrivando nuovi volti, non c’è più Ryan Hardy, Dave Wichester, Tamega, oggi c’è Tanner McDaniel, Tristan Roberts, Alan Munoz, Sammy Morretino, Jared Houston …È stato molto difficile crescere di nuovo, ma finora è stato molto positivo, gli eventi stanno diventando più belli e anche il livello sta migliorando, lavorare tutti insieme è la chiave perché è la parte migliore del bodyboard, siamo molto forti e uniti.

R.F.:” cosa ne pensi del surf alle olimpiadi ?”

P.L.C.:“Penso veramente che se il surf ha un posto alle Olimpiadi, anche il bodyboard può averlo, il surf sarà il test per altre discipline.
Non sono ancora sicuro se il surf si adatta bene alle Olimpiadi, penso che siano più loro che hanno bisogno del surf più di quanto il surf ha bisogno delle olimpiadi. Non puoi decidere chi è il miglior surfista del mondo in un singolo evento, questo sport estremo attirerà un pubblico più giovane ed è ciò che conta davvero alla fine per loro. Più visualizzazioni, più soldi ecc …”

R.F.:” cosa ne pensi delle WavePools?”

P.L.C.:“Penso che siano fantastiche per l’allenamento, sono molto divertenti, ho provato il Waves Garden ed è stata un’esperienza così bella. Ora la bellezza del surf è l’imprevedibilità, ogni singola onda è unica e l’oceano non sarà mai sostituibile. L’evento WSL in piscina è l’evento più noioso del tour che non è davvero entusiasmante.
Per i bodyboarder, abbiamo bisogno di un cuneo artificiale di 2m e poi possiamo impazzire !!!”

R.F.:” sai del progetto della piscina in italia qui a Livorno ?”

P.L.C.:“Sì bellissimo … le persone saranno in grado di scoprire più facilmente il surf. Sarà fantastico, ma non sostituirà mai l’oceano.”

R.F.:“conoscevi l’interesse in italia al bodyboarder ?”

P.L.C.:“Non proprio ahah, sapevo che c’era una comunità qui, ma questo supera le mie aspettative, è molto travolgente! Sono così felice di essere qui e presentarti questo progetto.”

Tutte le foto sono di proprietà Radical Factory

Condividi:

Radical Factory A.S.D.

È nata la nuova pagina Facebook ufficiale di Radical Factory, messa su dai nostri amici già conosciuti Gianluca Prosperi ( qui intervista completa ), Simone Macera ( qui intervista completa ) e molti altri !!

Una realtà nata per promuovere gli sport più radicali come il surf, lo skateboard e il bodyboard . Ma non solo , saranno organizzati eventi culturali e educazione ambientale !

Quindi mettete un bel “Mi Piace” alla pagina per rimanere sempre aggiornati !!!

https://www.facebook.com/Radical-Factory-578166145926241/
https://www.facebook.com/Radical-Factory-578166145926241/
Radical Factory
Condividi:

Simone Macera a StudioAperto

Ieri è andata in onda l’intervista di Simone Macera, mitico bodyboarder labronico, durante il TG su Italia1 “StudioAperto” … dove ha parlato del nuovo video “Cloud Buster” e della sua esperienza sulle onde giganti a Nazaré …

qua sotto potete trovare il link per rivederla :

Mentre qua sotto potete rivedere il mitico video “cloud Buster”:

Ancora una volta Simone riesce a far parlare di se per qualcosa di veramente grande, complimenti da tutti i Sons of the ocean !!!

Condividi:

Quando tutto è perfetto …

Gianluca Prosperi & Genesio Ludovisi …
Una coppia ineguagliabile

Ci sono cose che capitano una volta ogni mai… che tutto sia lì dove deve essere… che ogni cosa si vada ad incastrare perfettamente … ecco questo due giorni sono stati così !

Genesio ci racconta la sua esperienza sulla costa toscana …

Salve,
come al solito vedo le previsioni la sera prima di partire e vedo delle previsioni interessanti nel posto dove ritengo sia perfetto per il bodyboard in italia. Tra andata e ritorno sono all’incirca 800 km da dove abito. Sono anni penso da quando ho iniziato e non mi è mai pesato partire anche solo! E anche questa volta sono partito da solo! Ovviamente prima di partire sento sempre il mio fratello maggiore, il local di li Andrea Cannavò e tutta la sua crew che come al solito sono sempre molto ospitali e mi fanno sentire come a casa. Chiamo anche altri amici bodyboarders labronici dove è sempre bello rivederli e scambiare due chiacchiere. Ma la fortuna più grande che Gianluca Prosperi bodyboarder e fotografo era libero per venire in acqua a fare 2 scatti. E non c’è stato nulla da fare quando il tempo, le onde e le giuste persone si intendo esce sempre qualcosa di magico!

Condividi:

Simone Macera su TeleGranducato

Grandissimo onore per Simone che con il suo nuovo video “Cloud Buster “ va in onda sul TG locale …

Simone insieme a Gianluca Prosperi e Michele Tognotti hanno fatto uno splendido lavoro con il nuovo video, tanto da andare in scena sul nostro TG locale di Livorno … bellissime parole per tutti da parte del commentatore … qua sotto lo si può rivedere se ve lo siete persi !!

https://youtu.be/xJMtTs_SbWs

Anche noi siamo felicissimi di vedere crescere una nuova generazione di ragazzi semplici e innamorati del mare !

Condividi:

Cloud Buster !!!!

È arrivato il momento tanto atteso, è online il nuovissimo video del bodyboarder Simone Macera …

Dopo la fantastica festa di giovedì 20 dicembre per la presentazione del nuovo capolavoro dei ragazzi labronici , oggi è online per tutti …

Il film viene presentato così :

“Dopo un mese e mezzo di lavoro e una premiere ben riuscita che ci ha ripagato in toto abbiamo deciso di metterlo online.
Questo è un primo progetto che spero sia solo l’inizio di una lunga serie. Non smetterò mai di essere grato ai miei amici di GLMedia, Michele Tognotti, Gianluca Prosperi e Lorenzo Amore Bianco, che con tanto impegno siamo riusciti a smuovere un sacco di persone.
ll video è girato in Indonesia nella costa Est dell’Isola di Java ed è un mix tra Bodyboard e stile di vita locale. “

Simone aggiunge : “Colgo inoltre l’occasione per esprimere solidarietà al popolo indonesiano che proprio ieri ha subito un grosso Tsunami causando una serie infinita di morti.. Che la terra vi sia lieve.”

Condividi:

Cloud Buster, a bodyboard premiere

Protagonista Simone Macera 

Beh chi pratica bodyboard ormai conosce bene Simone Macera ( Episodio 27 ), un matto da legare labronico, che ha affrontato le più pazze onde del pianeta tipo Nazaré o Mullaghmore. È lui il protagonista del filmato creato da Michele Tognotti ( episodio 14 ), Gianluca Prosperi ( episodio 8 ) e Lorenzo Amore Bianco … il video racconta il suo ultimo surftrip a Java, Indonesia 🇮🇩 Il bodyboarder ha passato circa un mese tra le onde spettacolari indonesiane, quindi ne vedremo delle belle !!! 

Non potete mancare assolutamente a questo evento che sarà il 20 dicembre 2018 presso il Craft Bar in Scali del Ponte di Marmo 10, Livorno 

Condividi:

Genesio Ludovisi si conferma campione italiano del bodyboard a Capo Mannu …

Genesio vince i Surf Games 2018 in Sardegna !!

Intervista a Ludovisi 

Martedì e mercoledì scorsi si sono svolti i tanto sospirati Surf Games 2018 a Capo Mannu in Sardegna, sono state due giornate molto impegnative per il vento forte, con raffiche che hanno toccato anche i 40 nodi, e per le onde molto massicce, hanno raggiunto anche i 4 metri … nella categoria Bodyboard ha vinto Genesio Ludovisi, già vicecampione europeo, con delle splendide vittorie i tutte e quattro le sue Heat … 

Genesio :“La Punta, Sardegna dove si è svolta la prima finale dei #surfingames2018 #bodyboard un onda e una finale che non scorderò facilmente la prima onda ho preso un 7.83 e la seconda ( nella sequenza ) di 8.67 con un totale di 16.50 il punteggio più alto di quel giorno tra tutte le discipline! Grazie infinite a Edoardo bracaloni e Giorgio Belli per le splendide Foto”

Condividi:

Irlanda, terra mistica di onde

Ci sono paesi che oltre a regalare onde stupende ci regalano anche paesaggi ed emozioni ineguagliabili, l’Irlanda è uno di questi.

Un onda deserta come tante altre … 

Ciao a tutti! Mi chiamo Gianluca e dopo qualche anno di bodyboard mi sto dedicando alla “waterphotography”.

Un occhio cristallino … 

Vorrei raccontarvi adesso del mio ultimo viaggio, una meta del surf non molto ambita, poiche la gran parte delle persone preferisce destinazioni calde per le proprie vacanze. Quindi quale altro posto che non siano le solite mete Europee del surf ? Forse proprio perché era agosto e faceva molto caldo, io, Gianluca Tognotti, Andrea Zara e Matteo Zini abbiamo pensato subito all’ Irlanda!

“Forse proprio perché era agosto e faceva troppo caldo …”

Non conoscendo gli spot e i posti dove surfare, sapevamo che avremmo dovuto spostarci, decidemmo di prendere un camper a noleggio!

Il camper a noleggio 

Una brutta notizia… una di quelle che speri sempre di non sentire …

Il 2 ottobre finalmente partiamo da Pisa ed appena arrivati una bruttisima notizia ci sconvolge letteralmente. Il nostro amico e compagno d’onde Oduware ci ha lasciati in un tragico incidente. Ci siamo fatti forza e pur volendo essere vicino agli amici, alla famiglia ed all’intera città, abbiamo deciso di continuare per Odu. Partiamo cosi da Dublino direzione nord verso Bundoran, famosa comunità surf nel nord dell’irlanda.

Arrivati, le condizioni del mare erano pessime con un forte vento on-shore, per non parlare del clima, un cielo constantemente grigio ed una pioggia fine che viene e che va in continuazione, ma questo fa parte dell’Irlanda. Le previsioni promettevano buone onde per i giorni a seguire quindi tra qualche ottima Guiness, e “pastini al pomodoro” visitiamo questa terra selvaggia. Prati verdi, cascate, scogliere a picco sull’oceano, come le famose Cliffs of Moher, in un paesaggio davvero surreale.

Arrivano le onde …

Finalmente il terzo giorno riusciamo a surfare a Lahinch, una piccola città nella regione Sligo, dove vi è anche il famoso secret Riley’s, che però non lavorava. Tutto questo in una super giornata di sole. Il sole in Irlanda cambia tutto, i prati verdi diventano fluorescenti, le temperature miti, ed il sole ci faceva bene, ne avevamo bisogno.

Il giorno dopo si ripresenta il clima grigio che ci accompagna di nuovo fino a Bundoran. Il mare era steso il vento assente e le onde srotolavano lungo la costa. Finalmente delle buone onde, Blackspot è una destra leggermente “wedgiata” che corre veloce, tutta tubo! Parcheggiamo il camper proprio li davanti allo spot per i giorni a seguire, cenando con il rumore delle onde e controllando le condizioni alle prime luci del mattino. Giorno dopo giorno era sempre piu grosso, fino a raggiungere la massima misura il settimo giorno della nostra esperienza Gipsy.


Peccato per il vento che pur essendo “di terra” era veramente forte circa 50/60 km/h, una condizione difficile per scattare delle buone foto. Ma il surf ?

bè quello era fantastico, sembrava di planare ancora piu veloce su quelle destre, per non parlare delle sinistre durante la bassa marea.
Così passiamo circa 4 giorni parcheggiati la davanti, indossando mute fredde e bagnate ogni volta che entriamo in acqua, ed erano 2 3 volte al giorno! È stato fantastico vedere come me ed i miei amici ci siamo adattati a questo stile di vita. La doccia calda ci spettava ogni due giorni circa, quando facevamo sosta in qualche campeggio per caricare acqua e corrente. Il bagno del camper era diventato ormai il ripostiglio per le mute bagnate. Noi ci coordinavamo alla perfezione negli strettissimi spazi interni, dato che fuori pioveva quasi sempre.

Il tempo qui sembra che si sia fermato …


Così questi 10 giorni sono volati, e la natura di questo fantastico paese ci regala un ultimo giorno con un sole che ricorda l’estate. Le onde nella spiaggia limitrofa, Tullan, sembravano triangoli disegnati e i delfini ci salutavano a circa 20 metri di distanza. Insomma sembrava di essere in un film e che la natura veramente volesse dirci qualcosa.
Un viaggio che porteremo per sempre nel cuore, un esperienza fantastica, con degli amici degni di essere chiamati tali.
Torniamo cosi in Italia, dove i 20 gradi ci abbracciano e il vento ci da tregua. Un po stremati ma con il cuore pieno di emozioni e bei ricordi.

Ti abbiamo pensato e ti abbiamo dedicato qualche bel tubo, come piacevano a te “coach”. Sarai sempre nei nostri cuori!

Foto e racconto di Gianluca Prosperi 

Condividi:

Momentum Generation

Chi come noi è cresciuto nel surf dei primi anni ’90, si ricorda sicuramente di questi ragazzi … pensate ad un Dream Team del surf anni ’90 e poi fateli incontrare di nuovo dopo circa 20 anni, cosa pensate che ci venga fuori ?! Beh se lo volete scoprire basta aspettare il 5 novembre per vederlo. Si perché quel giorno uscirà il nuovo surf mouve dove ci saranno quasi tutti i migliori di quell’epoca, tra cui Kelly Slater, Rob Machado, Kalany Robb, Taylor Knox, Ross Williams, etc .

Noi non vediamo l’ora di vederlo perché sicuramente ne sarà venuto fuori un capolavoro !!! Intanto ci gustiamo il videoclip di Surfer, di qualche tempo fa, per presentare il progetto …

Momentum Reunion 
Condividi: