Il cucciolo di orca è morto …

Qualche giorno fa vi abbiamo dato la notizia dell’avvistamento di 4 orche all’interno del porto di Voltri ( qui trovate l’articolo ), nessuno si spiegava dello straordinario fatto …

La meravigliosa famiglia di orche …

Oggi abbiamo avuto la conferma, da amici che stanno monitorando i mammiferi dal giorno del primo avvistamento, che il cucciolo probabilmente è morto. Già dai primi istanti ci siamo domandati perchè queste quattro orche si erano avvicinate cosi alle nostre coste ? non che ci dispiacesse, anzi … solo che è un evento molto raro. Una colonia vive vicino allo stretto di Gibilterra, è una colonia di dimensioni ridotte rispetto al normale, questo per il tipo di alimentazione ( in particolare overfishing del tonno pinna blu ), meno pesce c’è, più sono state avvistate lontano dalla normal feeding area, quindi potrebbe essere anche il motivo per il quale questo sottogruppo sia finito qui. Dal 1999 che viene studiata non c’è un cucciolo che supera il primo anno d’età ! un dato allucinante …

In uno studio fatto tra quattro gruppi di orche, quello appartenete alla famiglia di Gibilterra, era il più contaminato da PBC ( https://it.m.wikipedia.org/wiki/Policlorobifenili ) un agente chimico tossico spesso paragonato alla diossina … In particolare, le mamme in allattamento avevano tra le concentrazioni più alte, ed è ipotizzato sia legato alla bassa sopravvivenza dei cuccioli.

Ecco perchè si erano spinte cosi vicine, perchè il cucciolo stava morendo.

La madre tuttora si rifiuta di lasciarlo andare, per questo non abbiamo la certezza del 100% del suo decesso, ma dal comportamento dei giorni scorsi, cioè che la madre cercava di tenerlo a galla per respirare, e dal comportamento di queste ultime ore con la madre che lo sostiene completamente senza nessuna risposta del cucciolo … ci fa intendere che il piccolo è deceduto.

Una perdita immensa che ci lascia scioccati perchè avevamo sperato che fossero capitate qua per curiosità e invece erano qua per cercare salvezza …

Condividi:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: