Episodio 27 Simone Macera

Simone Macera … persona fantastica molto timida, forse anche troppo … se ci parlate vi accorgerete della sua esagerata educazione e cortesia, per non parlare della sua disponibilità … è un ragazzo d’oro ! Cresciuto sul mare era normale che prima o poi il suo rapporto con esso si intensificasse … fino al punto di cavalcare onde smisurate a Nazarè ( Portogallo ) dove solo i ” pazzi ” osano … ma lui non è pazzo … è solo pieno d’amore per il mare !!!

Noi : ” Com’è iniziato tutto ? “
Simo : ” In realtà tutto cominciò con il surf. Mio padre , amante del windsurf, mi portava ore e ore in spiaggia e se non mi fossi avvicinato a uno sport di mare sarei morto di noia”
Noi : ” Quindi … “
Simo : ” Principalmente iniziai a Quercianella, ai Tre ponti, al Sale e ai Bagni Roma fino all’età di 10/12 anni.. La svolta fu l’autunno di 10 anni fa, ricordo una giornata uggiosa e in mare il “cicciaio” (trad. tante persone) e chiesi a mia madre di andare ai Bagni Pancaldi che veniva descritta come la mecca del Bodyboard a Livorno. Avevo un vecchio Manta azzurro che mi fu regalato da Charles Mauri, entrai in mare ed ebbi la
sensazione di una vera e propria novità o comunque qualcosa con cui avrei potuto spingermi oltre “
Noi : ” E da li è stato amore … “
Simo : ” si ma per i primi inverni non ebbi la possibilità di
seguire questo sport principalmente per la mancanza di coetanei e perché per anni ho nuotato agonisticamente allenandomi 6 giorni a settimana “
Noi : ” Allora quando hai iniziato seriamente ? “
Simo : ” Qualche inverno più tardi, che cominciai a surfare regolarmente la costa labronica e a viaggiare per le onde in posti come Francia, Spagna, Portogallo, Isole canarie, Corsica, Messico e Irlanda… “
Noi : ” Dopo so che hai anche partecipato a qualche gara … “
Simo : ” All’età di 16 anni partecipai all’ISA Games Bodyboard al Fronton come under 18 e da quel momento mi appassionai sempre di più per le onde pesanti e per lo stile australiano. Negli ultimi anni ho avuto l’occasione di vivere periodi in Portogallo grazie al progetto Erasmus dell’università
dove mi sono imbattuto in une delle giornate più grosse dell’inverno 2016 a Nazaré e di aver partecipato a due tappe del mondiale di Bodyboard APB… “
Noi : ” Il tuo futuro ? “
Simo : ” Adesso sono in Italia per riposarmi ( fortunatamente non è stato possibile nelle ultime settimane), studiare e mangiare cibo sano. Per il futuro ho tante cose nella testa vediamo che succederà………. “
Noi : ” Grazie Simo … “
Simo : ” Ringrazio i ragazzi di Sons of the Ocean “

Come avrete capito Simone è un vero ” sons of the ocean “
SURFtoLIVE