Un vero Sons of the ocean nelle Filippine 🇵🇭

Ormai sappiamo benissimo tutti che noi surfer, proprio per nostra natura, siamo tutti viaggiatori ( che è ben diverso dal turista … ) in cerca dell’onda perfetta … e stando a contatto con il mare e la natura in generale, è normale che siamo propensi ad una vita più eco-friendly … tant’è che qualcuno di noi indirizza anche i suoi studi in questa direzione … Simone è uno di questi, un ragazzo che ha studiato per rimanere a contatto con la natura e il mare …

Simone Franceschini :

Simone Franceschini

In questo momento è nelle filippine e …

l’associazione con cui sto collaborando si chiama People and the Sea. E’ stata fondata da Axelle Jorcine e suo marito cinque anni fa. L’organizzazione si trova qui sull’isola di Malapascua ed è nata con l’intenzione di portare avanti progetti di conservazione marina, educazione ambientale nelle scuole dell’isola e, da poco, progetti di pulizia delle spiagge.
Qui il sito:
http://www.peopleandthesea.org/
Io sono qui perché ho conosciuto Axelle e Ian per caso e adesso gli ho proposto un nuovo progetto per quanto riguarda lo sviluppo della pesca sostenibile sull’isola attraverso la creazione di nuove aree marine protette che permettano ad alcune specie chiave di potersi riprodurre e raggiungere una taglia “pescabile”, con benefici sia per gli isolani che per il turismo.

Simone è un altro italiano che cerca di proteggere a modo suo il pianeta di tutti … un altro vero Sons of the ocean !

Condividi:

Summit Volvo Ocean Race … noi c’eravamo !!!

Scritto da :

Giulia Di Giovanni

Stamani a Genova si è svolto l’Ocean Race Summit, evento di portata mondiale dal 1973 che, per la prima volta nella storia, ha fatto tappa in Italia.
Le impressioni che abbiamo avuto? Siamo spaventati e sgomenti.
Il summit si è aperto con l’intervento di Alex Bellini, noto esploratore, che ci ha motivati a riflettere sulle nostre abitudini quotidiane. Lui, sensatamente ci chiede “vivreste in una casa sporca e piena di spazzatura? No giusto? Allora perché non trattate allo stesso modo la terra e il mare?”.
Durante l’evento sono intervenuti Francesca Clapcich e Mark Towill. Entrambi sportivi e velisti hanno messo alla portata di tutti quelle che potremmo chiamare “le buone abitudini” dandoci consigli sulla quotidianità e raccontandoci che durante le veloci traversate in barche a vela da gara, hanno notato un drastico cambiamento dei mari.
L’intervento, per noi, più significativo lo ha fatto Stefania Campogianni, communication manager per WWF. I dati riportati dagli studi effettuati dal suo team sono davvero sconcertanti. Lo sapevate che il mar Mediterraneo è uno dei più inquinati al mondo? Il nostro bel mare, infatti, riceve spazzatura da tutti i continenti affacciati su di esso. Ma non solo, in esso riversano molti fiumi tra cui quello della Turchia-Cilicia il quale immette in mare all’incirca 31.3 tonnellate di rifiuti all’anno. Un dato impressionante.
A causa di questo intensivo inquinamento, ci ha spiegato la dottoressa, 60 specie di pesci, 5 specie di mammiferi marini, 3 specie di tartarughe e 9 specie di uccelli ogni giorno ingurgitano plastica.
Sapete questo cosa significa? Che noi tutti, mangiando e bevendo, ingeriamo l’equivalente di una carta di credito bancaria in plastica ogni settimana. OGNI SETTIMANA!
L’80% della spazzatura che si trova in mare deriva da scarichi provenienti da terra. Questo significa che siamo noi, in prima persona a poter cambiare le cose, a doverle cambiare.
Cosa fare? ELIMINATE LA PLASTICA, cercate di educare i vostri figli a fare lo stesso. Il futuro sta nel fare un passo nel passato. I nostri avi usavano la latta, la carte, il legno. Perché non possiamo farlo noi?
L’ultimo intervento della giornata, ma non per questo meno importante, è stato di una giovane ragazza 25 che, sulla scia dell’esempio mondiale Grata Thumberg, ha fatto sentire le esigenze dei giovani.
Vi riportiamo alcune delle sue doomande, alle quali vi invitiamo a riflettere attentamente, a conclusione del nostro report:
“cosa faremo quando non ci sarà più terra per coltivare? Cosa faremo quando non ci sarà più acqua da bere? Cosa faremo quando non ci sarà più ossigeno da respirare?”

Condividi:

Vlb vlogs … i nostri giovani talenti tutti riuniti in una crew

VLB VLOGS

Pensate di prendere alcuni dei giovani talenti italiani, riuniteli durante qualche giornata di piatta e guardate cosa ne viene fuori … pazzesco !

Abbiamo parlato un pò con Filippo Marullo del nuovo progetto che parte proprio oggi … e questo è quello che c’ha anticipato:

Vlb vlogs, acronimo di vecchi lupi bastardi, è un gruppo di amici che durante un giorno di piatta ad Hossegor (Francia) hanno deciso di creare questa crew sul web, che vuole mostrare al pubblico ciò che facciamo durante le nostre avventure. VLB è formata da Filippo Marullo, Alessandro Venturini, Matteo Calatri, Francesco Lazzarini, Edoardo Spadoni e Giulio Caruso. Il primo vlog uscirà oggi 18 settembre su YouTube, ha come tema i go kart. Questi non saranno i soliti video di surf e basta, ma molto spesso vedrete video dove ci divertiamo anche senza onde. Abbiamo molte idee per il futuro, anche se siamo solo a gli inizi. Ciò che vogliamo fare è quello di divertire chi ci guarda, trasmettendogli spensieratezza e svago. Quello che dovete fare adesso non è altro che iscrivervi al canale YouTube, attivare la campanellina (per ricevere le notifiche) e seguire VLB vlogs anche su Instagram

Beh che aggiungere ?! se non vi siete ancora iscritti, vi lasciamo i link per farlo …

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCkmUyYtt6xHOla1Dh1woWrA/featured

Instagram: https://www.instagram.com/vlbvlogs/?hl=en

Siamo sicuri, conoscendo i tipi, che ci sarà da divertirsi un sacco !!!

Condividi:

Immagini che fanno riflettere … !!

Cambiamento climatico del circolo polare artico dal 1984 al 2019.

Le immagini della NASA

Le immagini rese pubbliche dalla NASA sono sconvolgenti … dimostrano i cambiamenti di superficie del giaccio pluriennale, il ghiaccio più vecchio, quindi che riesce a sopravvivere alla stagione estiva … nel grafico indicato con il colore bianco. Quello indicato di colore grigio è il ghiaccio giovane, cioè che muta a seconda della stagione in corso.

Ma quello che interessa di più è il mutamento di dimensioni del ghiaccio più vecchio, che ci indica il surriscaldamento globale.

Condividi:

5º posto di Edoardo Papa al WQS Junior

Semplicemente “IMMENSO” …

Questo ragazzo giovanissimo ha fatto un campionato stratosferico, aggiudicandosi così uno splendido 5º posto in classifica generale, sfiorando la qualificazione , che per noi sinceramente è come un 1º posto visto il livello raggiunto in questa competizione !

Lui ringrazia tutti così :

View this post on Instagram

Sono stati tre anni fantastici 🙌, ho avuto tantissime esperienze che mi hanno fatto crescere come persona e come atleta, ho conosciuto persone con cui ho condiviso momenti indimenticabili che porterò con me per tutta la vita . Volevo solamente ringraziare tutti coloro che mi sono stati vicino fino ad ora🙏 !! Oggi si è conclusa l’ ultima tappa del projunior e dopo un anno intenso di gare in giro per l’Europa ho ottenuto il 5^ posto nella classifica finale. Purtroppo non sono riuscito a qualificarmi per la finale mondiale ma nonostante ciò sono coscente di quale sia la mia strada e il processo attraverso il quale potrò realizzare i mie obbiettivi !! . . . Well these have been three amazing years🙌, I had so many experiences that made me grow as a person and as an athlete, I met people with whom I shared unforgettable moments that I will carry with me for a lifetime. I just wanted to thank everyone who has been close to me so far 🙏!! Today was the last day of the European projuniors. And after an intense year of competitions around Europe I got the 5th place in the final classification. Unfortunately I could not qualify for the worldjunior final… it’s a bit frustrating but I am confident with my process and the people around me !! . . @billabongeurope @oakleysurfing @dakine_surf @carverskate @futuresfins @mysurfcoach @ianfontaine @papaandreaph

A post shared by Edoardo Papa 🇮🇹 (@_edoardopapa_) on

Noi qualche tempo fa siamo riusciti ad intervistarlo, la trovate QUI

Complimenti campione !!!

Condividi:

Wave Pool a Livorno

Per molti il progetto è un sogno …

Per tante persone, e soprattutto per gli amanti del surf, a Livorno qualche tempo fà si era aperto uno spiraglio per sognare … venne presentato un progetto, dove all’interno dell’ippodromo Caprilli, si presentava una Wave Pool, che prometteva onde alte fino a tre metri per 365 giorni l’anno. Poi la cosa era andata un pò tutta a tacere … ma notizia di pochissimi giorni fà, che il progetto è stato rimodellato per far tornare allo splendore l’ippica a Livorno con al centro una fantastica piscina con le onde !! due splendide passioni che fanno stare i giovani a contatto con la natura … Il nuovo progetto e ovviamente EcoFriendly, come il vecchio, perche deve avere un basso impatto ambientale. Infatti si pensa di usare acqua salata del mare, visto che è poco distante, e materiali naturali …

Gli ivestitori ci sono e le potenzialità pure … quindi incrociamo le dita e speriamo che possa diventare realtà.

qua sotto ilvideo che ci da conferma dell’interesse concreto della città:

Personalmente ci crediamo e speriamo …

Sarebbe un ottima occasione non solo per la città di Livorno, perchè porterebbe un indotto infinito, visto che al mondo ormai la comunità surfer conta qualche milione di persone e soprattutto nel 2020 il surf sarà sport olimpico …

Condividi:

Surf Trip con SEA ADVENTURES ASD

Filippo Eschiti, un insegnante…

Quest’anno, come ogni anno, la scuola Sea Adventures Asd organizza il surf-camp a Somo!
La location è situata in Cantabria e con i suoi 7 km di spiaggia offre una moltitudine di onde adatte a tutti i livelli, sia che voi siate principianti, intermedi o avanzati.
L’alloggio per 7 notti con colazione è garantito dalla SurfToLive di Riccardo Villetti, surfhouse situata a 5 minuti a piedi rispetto alla spiaggia.
Il surf-camp prevede la formula “surf insieme”, passione e tanto divertimento. Lo scopo degli organizzatori Filippo Eschiti e Yari Cavallin è quello di trasmettere l’amore per il surf e per lo sport in tutte le sue componenti. Sarà possibile usufruire di lezioni private e video analisi finalizzate a migliorare la tecnica surfistica nonché di effettuare spostamenti rispetto alla spiaggia di Somo qualora le condizioni marine non siano ottimali per i corsisti.
Data di partenza martedì 8 ottobre da Milano Bergamo ore 18.35
Data di ritorno martedì 15 ottobre da Santander ore 21.05

Foto di :

Pietro Giacomini
Condividi:

Quanto inquina la moda ?

Una domanda che in pochi si fanno …

scritto da :

Matteo Capo Nani

Qualche anno fa ero anch’io uno che cercava sempre la felpa firmata ( ovviamente di marchio surf ) ma poi ho iniziato a farmi qualche domanda … del tipo “quanto inquino a comprare questa felpa ?” oppure “ne ho veramente bisogno di questa nuova felpa ?” e ancora “ne ho altre simili già nell’armadio ?”.

Diciamo subito che scrivo questo articolo in risposta a qualcuno che mi ha fatto qualche domanda sul mio modo di vestire … probabilmente proprio perché non do più importanza ad esso …

Quindi eccomi qua a spiegare in maniera più accurata la mia scelta del perché non voglio contribuire ad un sistema malato come quello della moda …

Inizio con il darvi qualche numero :

  • L’industria manifatturiera è la responsabile dello spreco del 20% dell’acqua mondiale.
  • È responsabile del 10% dell’emissioni di anidride carbonica nel cielo per il trasporto di materie prime e di quelle lavorate.
  • Le coltivazioni di cotone sono responsabili del 24% dell’uso di insetticidi.
  • E del 11% di pesticidi.
  • 85% dei vestiti finiscono in discarica.
  • solo 1% dei tessili in discarica viene riciclato.

Questi sopra sono solo i problemi dell’inquinamento legati alla produzione della moda …

Poi ci sono tutti i problemi legati all’uso

Primo tra tutti, ma che nessuno gli da molta importanza, è la produzione di Micro-Plastiche durante i lavaggi in lavatrice. In molti non sanno che quando si fa una lavatrice si rilascia in mare un’enorme quantità di piccolissime particelle di tessuti ( per lo più sintetiche ). Questo processo se vi soffermate a pensare è molto semplice da capire … quando si lava un vestito in lavatrice viene “frullato” e quindi delle parti infinitamente piccole si staccano, i filtri delle lavatrici non riescono a trattenerle perché troppo piccole e tramite gli scarichi entrano nelle fognature, che poi vanno a finire in mare … e queste particelle in mare che fanno ? Le Micro-Plastiche vengono mangiate dai pesci e finiscono nella nostra catena alimentare …

Praticamente si mangiano …

Ecco perché non compro più tantissimi vestiti ma solo il necessario veramente … ecco perché prediligo vestiti in cotone o altri derivati biologici certificati … ecco perché dobbiamo stare tutti attenti a fare le lavatrici belle cariche … che poi possiamo pensare anche al grande risparmio energetico ( di derivazione non pulita ) che abbiamo !

Detto tutto ciò, la prossima volta che andate a fare shopping, prima di comprare un capo fatevi qualche domanda anche voi … perché la differenza si fa soprattutto dai piccoli gesti quotidiani !!

Mahalo a tutti 🤙🏽

Condividi:

Il nuovo gruppo Facebook di Sons Of The Ocean

Il simbolo del gruppo …

Oltre alla pagina ora c’è il gruppo …

Da ieri è stato creato il Gruppo facebook oltre alla pagina, per permettere a tutta la community di poter parlare tra loro e discutere sui vari argomenti di surf e ambiente … un modo per cercare soluzioni al problema dell’inquinamento e scambiarsi opinioni costruttive … spesso le buone idee vengono dalla gente comune, la nostra iniziativa denominata “Barattiamo ?” è proprio nata cosi ed ha avuto un bellissimo seguito, anche inaspettato per molti aspetti !

Quindi forza iscrivetevi al gruppo e tirate fuori i vostri pensieri … basta cliccare qua sotto :

L’unione fa la forza !!!!

In piu per gli iscritti al gruppo ci saranno fantastiche sorprese con i nuovi indumenti marchiati Sons Of The Ocean

Condividi:

Evento da non perdere : WORLD CLEANUP DAY

In collaborazione con I PIRATI DELLA PLASTICA, RESET LIVORNO, ACCHIAPPARIFIUTI, SEA SHEPHER ITALIA E NOI, il grande gruppo DECATHLON LIVORNO E PISA

Il giorno 21 settembre 2019, sarà la giornata mondiale della pulizia dell’ambiente, noi con le altre associazioni saremo presenti ! Sarà una giornata intera totalmente dedicata all’ambiente … si parte la mattina dalle ore 9:00 alle 12:00 circa zona via di Popogna Livorno, ritrovo parcheggio fabbrica kaiser ( credo si scriva così ). Poi pranzo al sacco ( di cui ognuno si deve munire da solo ) tipo pic-nic al parco tutti insieme dalle 13:00 circa … Successivamente ripartiamo dal Parco di San Rossore con una pulizia pomeridiana …

Ovviamente tutti gli orari sono indicativi … solo il ritrovo è certo e poi ci organizziamo strada facendo … per le varie esigenze !!

Consigliamo un abbigliamento consono e comodo per camminare e proteggersi dalle erbacce …

Per chi partecipa in omaggio Decathlon offre una borsa per la spesa in stoffa riciclata e un buono da 5€ da spendere in qualsiasi punto vendita.

vi aspettiamo numerosi !!!!!!!!!!

Ovviamente non ci sono obblighi di nessun tipo sulla disponibilità di orario … ognuno fa quello che può … e sicuramente sarà già più di chi rimane a casa …

Per maggiori info :

potete consultare la pagina Facebook QUI

Condividi: