Diario di un mondiale, day 1

Con oggi iniziamo una nuova rubrica, voluta fortemente da noi e da Giulio Caruso, si tratta di un vero e proprio diario personale di Giulio, che ci racconterà il mondiale visto da un atleta. Cosa prova, cosa succede e le sue emozioni. Per farvi capire quanto questi ragazzi s’impegnano per arrivare ad ottenere dei risultati. 

Giorno 1, “Warm up”

Oggi 25 Ottobre 2018 è stato il giorno in cui la nazionale si è riunita, per la prima volta al completo, in vista dei mondiali di surf ad Huntington beach.

9 atleti pronti a dare il massimo indossando la maglia azzurra.

Ogni volta che infilo la divisa mi sento orgoglioso di essere italiano e di poter rappresentare uno dei paesi più belli al mondo, ricco di cultura, paesaggi e storia.

La giornata è iniziata verso le 7:30 del mattino quando ci siamo diretti con il nostro furgone Ford Nero, carico di tavole e mute, verso la spiaggia. Alle 8 tutti in acqua per la prima session, acqua calda e onde divertentissime. L’onda di Huntington è davvero particolare, cambia radicalmente a seconda della marea, questa mattina era alta quindi frangeva a circa 20 metri da riva, subito dopo aver franto muore e durante quel tratto bisogna dare il massimo per riuscire a non farsela scappare, ma appena l’onda giunge a 5 metri dalla riva frange di nuovo e ti da il tempo per un ultima manovra in chiusura sul close-out.

Giulio Caruso 

Il livello in acqua è altissimo, l’emozione è indescrivibile, surfare durante il warm up di un mondiale è la mia parte preferita, è il momento in cui impari di più, affianco a te puoi trovarti chiunque… gente più scarsa, gente più forte e ognuno ha una storia diversa da raccontare, ad alcuni basta solo surfare per farti capire chi sono e da dove vengono.

Dopo la prima session siamo andati a pranzare e alle 3:30pm siamo arrivati al meeting point ISA per il check in della squadra. Foto, bracciale, foto di squadra e via tutti in acqua di nuovo … 

Siamo stati in acqua per circa due ore la sera. Alle 6:30 Huntington ci ha regalato in nostro primo e bellissimo tramonto di questa nuova esperienza. 

Cena veloce, le gambe non reggono più e mentre scrivo questo articolo mi si chiudono gli occhi e mi cade il cellulare in faccia tre o quattro volte. Ma ne vale la pena. Buonanotte a domani Huntington.

Grazie mille a tutto il team, agli allenatori Nicola Bresciani e Valentina Vitale, a Mirco Babini e a tutto lo staff della Fisw Surfing per rendere tutto questo possibile.

FOOORZA ITALIA!🇮🇹

Scritto da Giulio Caruso

🕦23:17

📍Huntington Beach 25/10/18

Condividi:

2 risposte a “Diario di un mondiale, day 1”

  1. Oggi ho scoperto la sesta forza della natura.
    Dopo terra, fuoco, aria, acqua e etere, ecco Giulio Caruso, capace unire gli altri elementi in un unico bellissimo gesto complessivo: vivere sulla terra, avere il fuoco dentro, non darsi arie, cavalcare le onde e attraversare l’etere per arrivare a noi.
    Alè Giulio, siamo tutti nella tua onda.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.