La situazione è peggiore del previsto

L’ultimo aggiornamento dell’ IPCC ( Intergovernmental Panel on Climate Change ) del inizio di ottobre non è per nulla rassicurante, anzi è proprio pessimo. Infatti se non invertiamo immediatamente la tendenza saremo presto nei guai. 

Nell’ultima conferenza del IPCC che si è svolta a inizio ottobre a Incheon, nel nord Corea, i dati che sono venuti fuori sono sconcertanti, perché con l’inna Delle temperature degli ultimi 10 anni di 1ºC ci sono state tempeste molto più potenti nel nord-est dell’america settentrionale, piogge equatoriali nelle zone temperate ( tipo la nostra ), desertificazione molto più intenza ai tropici, scioglimento dei ghiacciai con conseguente innalzamento dei mari, surriscaldamento degli oceani con la morte immediata dei coralli e molte altre specie legate ad essi. Praticamente un disastro ambientale infinito con conseguenze ovviamente anche su di noi umani. Questo è stato costatato dopo lo studio di seimila ricerche fatte appunto per lo studio dei cambiamenti climatici. E si è ipotizzato come saranno i cambiamenti se si raggiunge il 1,5ºC in più. Surriscaldamento previsto in appena 11 anni se non facciamo immediatamente qualcosa tagliando del 50% le emissioni di anidride carbonica. Ma anche se riusciamo a farlo ( cosa improbabile ) si ritarderà soltanto il surriscaldamento. Dobbiamo cambiare completamente modo di vivere , dobbiamo veramente iniziare a pensare che di pianeta ne abbiamo uno solo e quindi va protetto per proteggere noi stessi, violentare la natura, anche con piccoli gesti ( buttare le cicche in terra, la plastica in mare …), significa accelerare il processo d’inquinamento… dobbiamo iniziare veramente a pensare a riciclare, usare meno plastica possibile e soprattutto a pensare cosa è bene per la terra oppure no quando compiamo un’azione . 

Qua sotto inseriamo un video del discorso che ha fatto Harrison Ford ai potenti del pianeta… vi consigliamo di ascoltarlo… 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *